motAMORphosis

La creatività della pop artist siberiana Ludmilla Radchenko spazia da sempre verso ambiti diversi dalla pura espressione artistica su tela, abbracciando gli stimoli provenienti dalla moda e dal design. Da una proposta di Motomorphosis, l"inventiva di Ludmilla viene oggi applicata al mondo dei motori, grazie ad un progetto che dal 2009, si impegna a divulgare il tema dell"educazione, sicurezza e mobilità stradale su tutto il territorio nazionale italiano.   

Nell"ambito di questa idea, vari artisti, designer, case produttrici, istituzioni, aziende, sponsor, appassionati e studenti, sono chiamati a sostenere la diffusione della cultura della sicurezza, dando il proprio contributo sia come cittadini, sia partecipando attivamente alla proposta di realizzazione di moto d"autore. Ludmilla Radchenko ha accolto la sfida, personalizzando con la sua arte ed i suoi inconfondibili colori pop un modellino a grandezza naturale di una moto in vetro resina; l"ispirazione per quest"opera così particolare, diversa da tutto ciò che l"artista ha contaminato fino ad oggi con la propria creatività, proviene dalla contrapposizione naturale di due universi, quello maschile e quello femminile. “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”; accettando con sicurezza questa frase iconica, l"artista dedica un lato della moto a ciascuno dei due sessi, contrapponendo così il carattere femminile alla forza maschile, ma legando i due mondi grazie a colori energici, simbolo della natura decisa che accomuna uomini e donne forti e dinamici. L"opera rappresenta così le icone maschile e femminile per eccellenza, grazie alla tecnica del collage e ai ritagli di dettagli dai giornali che caratterizzano le due figure.

 

Approfondimenti

 
Call Now
Directions